Periodo Edo
Edo Period ©HistoryMaps

1600 - 1868

Periodo Edo



Il periodo Edo, noto anche come periodo Tokugawa, durò dal 1603 al 1868. Quest'era fu segnata da quasi 260 anni di pace e stabilità sotto il dominio dello shogunato Tokugawa, fondato da Tokugawa Ieyasu dopo la sua vittoria nella battaglia di Sekigahara .Durante il periodo Edo,il Giappone attuò un rigido ordine sociale basato sui principi confuciani, dividendo la società in quattro classi principali: samurai, contadini, artigiani e mercanti, con la classe dei samurai al vertice.Questo periodo fu caratterizzato dalla politica del sakoku, o isolamento nazionale, che limitò fortemente l'influenza e il commercio estero;solo agli olandesi eai cinesi fu consentito il commercio limitato attraverso il porto di Nagasaki.Economicamente, il periodo vide una crescita e un’urbanizzazione significative.Lo sviluppo di una vivace classe mercantile e l'ascesa di una cultura del consumo portarono al fiorire delle arti e della cultura, tra cui il teatro kabuki, le stampe su legno ukiyo-e e la cerimonia del tè.Intellettualmente, il periodo Edo fu un periodo di apprendimento ed educazione, che diffuse l'alfabetizzazione e le attività accademiche tra i samurai e la gente comune.L'apprendimento nativo, o Kokugaku, emerse per promuovere il pensiero giapponese e la religione shintoista, spesso in reazione alle influenze confuciane e buddiste.Il periodo terminò quando lo shogunato Tokugawa fu rovesciato durante la Restaurazione Meiji del 1868, che ripristinò il dominio imperiale e avviò il Giappone su un percorso di rapida modernizzazione e industrializzazione.
1600 Jan 1

Prologo

Japan
La vittoria di Ieyasu sul daimyo occidentale nella battaglia di Sekigahara (21 ottobre 1600, o nel calendario giapponese il 15° giorno del nono mese del quinto anno dell'era Keichō) gli diede il controllo di tutto il Giappone.Abolì rapidamente numerose case di daimyo nemici, ne ridusse altre, come quella dei Toyotomi, e ridistribuì il bottino di guerra alla sua famiglia e ai suoi alleati.
Commercio di sigilli rossi
Nave sigillo rosso Sueyoshi nel 1633, con piloti e marinai stranieri.Kiyomizu-dera Ema () pittura, Kyoto. ©Image Attribution forthcoming. Image belongs to the respective owner(s).
1600 Jan 1 - 1635

Commercio di sigilli rossi

South China Sea
Il sistema del Sigillo Rosso appare almeno dal 1592, sotto Toyotomi Hideyoshi, data della prima menzione nota del sistema in un documento.Il primo Shuinjō (permesso sigillo rosso) effettivamente conservato è datato 1604, sotto Tokugawa Ieyasu, primo sovrano del Giappone Tokugawa.Tokugawa rilasciava permessi sigillati in rosso ai suoi signori feudali preferiti e ai principali mercanti interessati al commercio estero.In tal modo, è stato in grado di controllare i commercianti giapponesi e ridurre la pirateria giapponese nel Mare del Sud.Il suo sigillo garantiva anche la protezione delle navi, poiché giurava di perseguire qualsiasi pirata o nazione che lo violasse.Oltre ai commercianti giapponesi, 12 residenti europei e 11 cinesi, tra cui William Adams e Jan Joosten, hanno ricevuto i permessi.Ad un certo punto dopo il 1621, si dice che Jan Joosten possedesse 10 navi con sigillo rosso per il commercio.Le navi portoghesi ,spagnole , olandesi , inglesi e i governanti asiatici proteggevano sostanzialmente le navi con sigillo rosso giapponese, poiché avevano relazioni diplomatiche con lo shōgun giapponese.Solo la Cina Ming non aveva nulla a che fare con questa pratica, perché l'Impero proibiva ufficialmente alle navi giapponesi di entrare nei porti cinesi.(Ma i funzionari Ming non sono stati in grado di impedire ai contrabbandieri cinesi di salpare per il Giappone.)Nel 1635, lo shogunato Tokugawa proibì ufficialmente ai propri cittadini di viaggiare all'estero (in modo simile al molto successivo Gentlemen's Agreement del 1907), ponendo così fine al periodo del commercio dei sigilli rossi.Questa azione fece sì che la Compagnia Olandese delle Indie Orientali diventasse l'unica parte ufficialmente autorizzata per i commerci europei, con Batavia come quartier generale asiatico.
1603 - 1648
Primo periodo Edo
Tokugawa Ieyasu diventa shogun
Tokugawa Ieyasu ©Kanō Tan'yū
1603 Mar 24

Tokugawa Ieyasu diventa shogun

Tokyo, Japan
Il periodo Edo inizia dopo che Tokugawa Ieyasu ricevette dall'imperatore Go-Yōzei il titolo di shōgun.La città di Edo divenne di fatto la capitale del Giappone e il centro del potere politico.Questo avvenne dopo che Tokugawa Ieyasu stabilì il quartier generale del bakufu a Edo.Kyoto è rimasta la capitale formale del paese.
Ieyasu abdica in favore del suo terzo figlio
Tokugawa Hidetada ©Image Attribution forthcoming. Image belongs to the respective owner(s).
Per evitare il destino del suo predecessore, Ieyasu stabilì uno schema dinastico subito dopo essere diventato shogun abdicando in favore di Hidetada nel 1605. Ieyasu ottiene il titolo di ogosho, shogun in pensione e mantenne un potere significativo fino alla sua morte nel 1616. Ieyasu si ritirò nel castello di Sunpu a Sunpu , ma ha anche supervisionato la costruzione del castello di Edo, un imponente progetto di costruzione che durò per il resto della vita di Ieyasu.Il risultato fu il castello più grande di tutto il Giappone, i costi per la costruzione del castello furono sostenuti da tutti gli altri daimyo, mentre Ieyasu ne raccolse tutti i benefici.Dopo la morte di Ieyasu nel 1616, Hidetada prese il controllo del bakufu.Ha rafforzato la presa del potere dei Tokugawa migliorando i rapporti con la corte imperiale.A tal fine sposò sua figlia Kazuko con l'imperatore Go-Mizunoo.Il prodotto di quel matrimonio, una ragazza, alla fine salì al trono del Giappone per diventare l'imperatrice Meishō.Anche la città di Edo fu fortemente sviluppata sotto il suo regno.
Invasione di Ryukyu
Shimazu invade le isole Ryukyu ©Image Attribution forthcoming. Image belongs to the respective owner(s).
1609 Mar 1 - May

Invasione di Ryukyu

Okinawa, Japan
L'invasione di Ryukyu da parte delle forze del dominio feudale giapponese di Satsuma ebbe luogo da marzo a maggio del 1609 e segnò l'inizio dello status del regno di Ryukyu come stato vassallo sotto il dominio di Satsuma.La forza d'invasione ha incontrato una dura resistenza da parte dell'esercito Ryukyuan su tutte le isole tranne un'isola durante la campagna.Ryukyu sarebbe rimasto uno stato vassallo sotto Satsuma, insieme al suo già consolidato rapporto tributario con la Cina, fino a quando non fu formalmente annesso dal Giappone nel 1879 come Prefettura di Okinawa.
Incidente di Nostra Signora delle Grazie
Nave Nanban, Kano Naizen ©Image Attribution forthcoming. Image belongs to the respective owner(s).
1610 Jan 3 - Jan 6

Incidente di Nostra Signora delle Grazie

Nagasaki Bay, Japan
L'incidente di Nossa Senhora da Graça fu una battaglia navale di quattro giorni tra una caracca portoghese e giunche di samurai giapponesi appartenenti al clan Arima vicino alle acque di Nagasaki nel 1610. La ricca "grande nave commerciale", famosa come la "nave nera " dai giapponesi, affondò dopo che il suo capitano André Pessoa diede fuoco al deposito di polvere da sparo mentre la nave veniva invasa dai samurai.Questa resistenza disperata e fatale colpì i giapponesi dell'epoca e i ricordi dell'evento persistettero anche nel XIX secolo.
Hasekura Tsunenaga
Hasekura a Roma ©Image Attribution forthcoming. Image belongs to the respective owner(s).
1613 Jan 1 - 1620

Hasekura Tsunenaga

Europe
Hasekura Rokuemon Tsunenaga era un samurai giapponese kirishitan e servitore di Date Masamune, il daimyō di Sendai.Era di discendenza imperiale giapponese con legami ancestrali con l'imperatore Kanmu.Negli anni dal 1613 al 1620, Hasekura guidò l'ambasciata di Keichō, una missione diplomatica presso papa Paolo V. Durante il viaggio visitò la Nuova Spagna e vari altri porti di scalo in Europa.Durante il viaggio di ritorno, Hasekura e i suoi compagni ripercorsero la loro rotta attraverso la Nuova Spagna nel 1619, salpando da Acapulco per Manila, e poi navigando a nord verso il Giappone nel 1620. È considerato il primo ambasciatore giapponese nelle Americhe e inSpagna , nonostante altre missioni meno note e meno documentate precedenti la sua missione.Sebbene l'ambasciata di Hasekura sia stata accolta cordialmente in Spagna ea Roma, è avvenuta in un momento in cui il Giappone si stava muovendo verso la soppressione del cristianesimo .I monarchi europei rifiutarono gli accordi commerciali che Hasekura stava cercando.Tornò in Giappone nel 1620 e morì di malattia un anno dopo, la sua ambasciata apparentemente finì con pochi risultati in un Giappone sempre più isolazionista.La prossima ambasciata del Giappone in Europa non sarebbe avvenuta fino a più di 200 anni dopo, dopo due secoli di isolamento, con la "Prima ambasciata giapponese in Europa" nel 1862.
Assedio di Osaka
Assedio di Osaka ©Image Attribution forthcoming. Image belongs to the respective owner(s).
1614 Nov 8 - 1615 Jun

Assedio di Osaka

Osaka Castle, 1 Osakajo, Chuo
Nel 1614, il clan Toyotomi ricostruì il Castello di Osaka.Le tensioni iniziarono a crescere tra i clan Tokugawa e Toyotomi, e aumentarono solo quando Toyotomi iniziò a radunare una forza di rōnin e nemici dello shogunato a Osaka.Ieyasu, nonostante avesse passato il titolo di Shōgun a suo figlio nel 1605, mantenne comunque un'influenza significativa.Le forze Tokugawa, con un enorme esercito guidato da Ieyasu e shōgun Hidetada, assediarono il castello di Osaka in quello che oggi è noto come "l'assedio invernale di Osaka".Alla fine, i Tokugawa furono in grado di forzare i negoziati e un armistizio dopo che il fuoco di cannone diretto minacciò la madre di Hideyori, Yodo-dono.Tuttavia, una volta concordato il trattato, i Tokugawa riempirono di sabbia i fossati esterni del castello in modo che le sue truppe potessero attraversarlo.Attraverso questo stratagemma, i Tokugawa guadagnarono un enorme tratto di terra attraverso la negoziazione e l'inganno che non potevano attraverso l'assedio e il combattimento.Ieyasu tornò al castello di Sunpu, ma dopo che Toyotomi Hideyori rifiutò un altro ordine di lasciare Osaka, Ieyasu e il suo esercito alleato di 155.000 soldati attaccarono nuovamente il castello di Osaka durante "l'assedio estivo di Osaka".Alla fine, alla fine del 1615, il castello di Osaka cadde e quasi tutti i difensori furono uccisi, tra cui Hideyori, sua madre (la vedova di Toyotomi Hideyoshi, Yodo-dono) e suo figlio neonato.Sua moglie, Senhime (una nipote di Ieyasu), ha supplicato di salvare le vite di Hideyori e Yodo-dono.Ieyasu ha rifiutato e ha chiesto loro di commettere un suicidio rituale, oppure li ha uccisi entrambi.Alla fine, Senhime fu rimandato vivo a Tokugawa.Con la linea Toyotomi finalmente estinta, non rimanevano minacce al dominio del clan Tokugawa in Giappone.
Tokugawa Iemitsu
Tokugawa Iemitsu ©Image Attribution forthcoming. Image belongs to the respective owner(s).
1623 Jan 1 - 1651

Tokugawa Iemitsu

Japan
Tokugawa Iemitsu fu il terzo shōgun della dinastia Tokugawa.Era il figlio maggiore di Tokugawa Hidetada con Oeyo e nipote di Tokugawa Ieyasu.Lady Kasuga era la sua balia, che fungeva da suo consigliere politico ed era in prima linea nei negoziati dello shogunato con la corte imperiale.Iemitsu governò dal 1623 al 1651;durante questo periodo crocifisse i cristiani, espulse tutti gli europei dal Giappone e chiuse i confini del Paese, una politica di politica estera che continuò per oltre 200 anni dopo la sua istituzione.È discutibile se Iemitsu possa essere considerato un parente per aver fatto suicidare suo fratello minore Tadanaga con il seppuku.
Sankin Kotai
Sankin Kotai ©Image Attribution forthcoming. Image belongs to the respective owner(s).
1635 Jan 1

Sankin Kotai

Japan
Toyotomi Hideyoshi aveva stabilito in precedenza una pratica simile che richiedeva ai suoi signori feudali di tenere le loro mogli ed eredi al castello di Osaka o nelle vicinanze come ostaggi per assicurarsi la loro lealtà.Dopo la battaglia di Sekigahara e l'istituzione dello shogunato Tokugawa, questa pratica fu continuata nella nuova capitale di Edo come consuetudine.Fu resa obbligatoria per i tozama daimyō nel 1635 e per i fudai daimyō dal 1642. A parte un periodo di otto anni sotto il governo di Tokugawa Yoshimune, la legge rimase in vigore fino al 1862.Il sistema sankin-kōtai costringeva i daimyō a risiedere a Edo in sequenza alternata, trascorrendo un certo periodo di tempo a Edo e un certo periodo di tempo nelle loro province d'origine.Si dice spesso che uno degli obiettivi chiave di questa politica fosse impedire ai daimyo di accumulare troppa ricchezza o potere, separandoli dalle loro province d'origine e costringendoli a devolvere regolarmente una somma considerevole per finanziare le immense spese di viaggio associate. con il viaggio (insieme a un numeroso entourage) da e per Edo.Il sistema prevedeva anche che le mogli e gli eredi dei daimyō rimanessero a Edo, disconnessi dal loro signore e dalla loro provincia natale, servendo essenzialmente come ostaggi che avrebbero potuto essere danneggiati o uccisi se i daimyō avessero tramato una ribellione contro lo shogunato.Con centinaia di daimyō che entravano o uscivano da Edo ogni anno, le processioni erano eventi quasi quotidiani nella capitale dello shogun.Le vie principali per le province erano i kaidō.Alloggi speciali, gli honjin, erano a disposizione dei daimyō durante i loro viaggi.I frequenti viaggi del daimyo incoraggiarono la costruzione di strade e la costruzione di locande e strutture lungo i percorsi, generando attività economica.Il re Luigi XIV di Francia istituì una pratica simile al completamento del suo palazzo a Versailles, richiedendo alla nobiltà francese, in particolare all'antica Noblesse d'épée ("nobiltà della spada") di trascorrere sei mesi all'anno al palazzo, per ragioni simili a quelle degli shōgun giapponesi.I nobili dovevano assistere il re nei suoi doveri quotidiani e nelle funzioni statali e personali, inclusi pasti, feste e, per i privilegiati, alzarsi e andare a letto, fare il bagno e andare in chiesa.
Politica di isolamento nazionale giapponese
Un importante schermo a sei pieghe Nanban raffigurante l'arrivo di una nave portoghese per il commercio ©Image Attribution forthcoming. Image belongs to the respective owner(s).
Gli atteggiamenti antieuropei iniziarono sotto Hideyoshi, il cui sospetto nei confronti degli europei iniziò per la prima volta con il loro aspetto intimidatorio;le loro navi armate e la sofisticata potenza militare suscitarono dubbi e sfiducia, e in seguito alla conquista delle Filippine da parte degli spagnoli, Hideyoshi era convinto che non ci si potesse fidare di loro.Le vere motivazioni degli europei vennero rapidamente messe in discussione.L'editto Sakoku del 1635 era un decreto giapponese inteso a eliminare l'influenza straniera, applicato da rigide regole e regolamenti governativi per imporre queste idee.Era il terzo di una serie emessa da Tokugawa Iemitsu, shōgun del Giappone dal 1623 al 1651. L'Editto del 1635 è considerato un ottimo esempio del desiderio giapponese di isolamento.L'Editto del 1635 fu scritto ai due commissari di Nagasaki, una città portuale situata nel sud-ovest del Giappone.Solo l'isola di Nagasaki è aperta e solo ai commercianti dei Paesi Bassi.I punti chiave dell'Editto del 1635 includevano:I giapponesi dovevano essere tenuti entro i confini del Giappone.Sono state stabilite regole severe per impedire loro di lasciare il paese.Chiunque fosse sorpreso a tentare di lasciare il paese, o chiunque riuscisse a partire e poi tornasse dall'estero, doveva essere giustiziato.Anche gli europei che sono entrati illegalmente in Giappone dovrebbero affrontare la pena di morte.Il cattolicesimo era severamente vietato.Coloro che erano stati trovati a praticare la fede cristiana erano soggetti a indagine e chiunque fosse associato al cattolicesimo sarebbe stato punito.Per incoraggiare la ricerca di coloro che ancora seguivano il cristianesimo, venivano date ricompense a coloro che erano disposti a consegnarli. L'editto sottolineava anche la prevenzione dell'attività missionaria;a nessun missionario era permesso entrare e, se arrestato dal governo, sarebbe stato imprigionato.Furono stabilite restrizioni commerciali e rigide limitazioni sulle merci per limitare i porti aperti al commercio e i mercanti a cui sarebbe stato permesso di commerciare.Le relazioni con i portoghesi furono completamente interrotte;I mercanti cinesi e quelli della Compagnia olandese delle Indie orientali erano limitati alle enclave di Nagasaki.Il commercio era condotto anche con la Cina attraverso il regno vassallo semi-indipendente dei Ryukyu, con la Corea attraverso il dominio di Tsushima, e anche con il popolo Ainu attraverso il dominio di Matsumae.
Ribellione di Shimabara
Ribellione di Shimabara ©Image Attribution forthcoming. Image belongs to the respective owner(s).
1637 Dec 17 - 1638 Apr 15

Ribellione di Shimabara

Nagasaki Prefecture, Japan
La ribellione di Shimabara fu una rivolta avvenuta nel dominio di Shimabara dello shogunato Tokugawa in Giappone dal 17 dicembre 1637 al 15 aprile 1638.Matsukura Katsuie, il daimyō del dominio di Shimabara, impose politiche impopolari stabilite da suo padre Matsukura Shigemasa che aumentarono drasticamente le tasse per costruire il nuovo castello di Shimabara e proibirono violentemente il cristianesimo.Nel dicembre 1637, un'alleanza di rōnin locali e contadini per lo più cattolici guidati da Amakusa Shirō si ribellò allo shogunato Tokugawa a causa del malcontento per le politiche di Katsuie.Lo shogunato Tokugawa inviò una forza di oltre 125.000 truppe supportate dagli olandesi per sopprimere i ribelli e li sconfisse dopo un lungo assedio contro la loro roccaforte al castello di Hara a Minamishimabara.Dopo la riuscita repressione della ribellione, Shirō e circa 37.000 ribelli e simpatizzanti furono giustiziati per decapitazione, ei commercianti portoghesi sospettati di aiutarli furono espulsi dal Giappone.Katsuie fu indagato per malgoverno e alla fine fu decapitato a Edo, diventando l'unico daimyō ad essere giustiziato durante il periodo Edo.Il dominio di Shimabara fu dato a Kōriki Tadafusa.Le politiche giapponesi di isolamento nazionale e persecuzione del cristianesimo furono rafforzate fino al Bakumatsu negli anni '50 dell'Ottocento.La ribellione di Shimabara è spesso descritta come una ribellione cristiana contro la violenta repressione di Matsukura Katsuie.Tuttavia la principale comprensione accademica è che la ribellione fosse principalmente contro il malgoverno di Matsukura da parte dei contadini, con i cristiani che in seguito si unirono alla ribellione.La ribellione di Shimabara è stato il più grande conflitto civile in Giappone durante il periodo Edo, ed è stato uno dei pochi casi di gravi disordini durante il periodo relativamente pacifico del dominio dello shogunato Tokugawa.
Kan'ei Grande carestia
Kan'ei Great Famine ©Image Attribution forthcoming. Image belongs to the respective owner(s).
1640 Jan 1 - 1643 Jan

Kan'ei Grande carestia

Japan
La grande carestia Kan'ei fu una carestia che colpì il Giappone durante il regno dell'imperatrice Meishō nel periodo Edo.Il numero stimato di morti per fame è compreso tra 50.000 e 100.000.È successo a causa di una combinazione di spese eccessive del governo, peste bovina epizootica, eruzioni vulcaniche e condizioni meteorologiche estreme.Il governo Bakufu usò le pratiche apprese durante la Grande Carestia Kan'ei per la gestione delle successive carestie, in particolare durante la carestia Tenpō nel 1833. Inoltre, insieme all'espulsione del Cristianesimo dal Giappone, la Grande Carestia Kan'ei stabilì un modello per come il Bakufu avrebbe affrontato i problemi a livello nazionale, aggirando il daimyō.Le strutture di governo di diversi clan sono state razionalizzate.Infine, fu attuata una maggiore protezione dei contadini dalle tasse arbitrarie dei signori locali.
1651 - 1781
Periodo Edo medio
Tokugawa Ietsuna
Tokugawa Ietsuna ©Image Attribution forthcoming. Image belongs to the respective owner(s).
1651 Jan 1 - 1680

Tokugawa Ietsuna

Japan
Tokugawa Iemitsu morì all'inizio del 1651, all'età di quarantasette anni.Dopo la sua morte, la dinastia Tokugawa era a grave rischio.Ietsuna, l'erede, aveva solo dieci anni.Tuttavia, nonostante la sua età, Minamoto no Ietsuna divenne shogun in Kei'an 4 (1651).Fino a quando non raggiunse la maggiore età, cinque reggenti avrebbero dovuto governare al suo posto, ma Shogun Ietsuna assunse comunque un ruolo come capo formale della burocrazia bakufu.La prima cosa che Shogun Ietsuna e la reggenza dovettero affrontare fu il rōnin (samurai senza padrone).Durante il regno di Shogun Iemitsu, due samurai, Yui Shōsetsu e Marubashi Chūya, avevano pianificato una rivolta in cui la città di Edo sarebbe stata rasa al suolo e, in mezzo alla confusione, il castello di Edo sarebbe stato saccheggiato e lo shōgun, altri membri dei Tokugawa e alti funzionari sarebbero stati giustiziati.Eventi simili sarebbero accaduti a Kyoto e Osaka.Shosetsu stesso era di umili origini e vedeva Toyotomi Hideyoshi come il suo idolo.Tuttavia, il piano fu scoperto dopo la morte di Iemitsu, ei reggenti di Ietsuna furono brutali nel sopprimere la ribellione, che divenne nota come la rivolta di Keian o la "cospirazione dei Tosa".Chuya è stato brutalmente giustiziato insieme alla sua famiglia e alla famiglia di Shosetsu.Shosetsu ha scelto di commettere seppuku piuttosto che essere catturato.Nel 1652, circa 800 rōnin guidarono un piccolo disturbo sull'isola di Sado, e anche questo fu brutalmente soppresso.Ma per la maggior parte, il resto del governo di Ietsuna non fu più disturbato dal rōnin poiché il governo divenne più orientato ai civili.Sebbene Ietsuna si dimostrò un abile leader, gli affari erano in gran parte controllati dai reggenti nominati da suo padre, anche dopo che Ietsuna fu dichiarato abbastanza grande per governare a pieno titolo.
La rivolta di Shakushain
Shakushain's revolt ©Image Attribution forthcoming. Image belongs to the respective owner(s).
1669 Jan 1 - 1672

La rivolta di Shakushain

Hokkaido, Japan
La rivolta di Shakushain fu una ribellione Ainu contro l'autorità giapponese su Hokkaidō tra il 1669 e il 1672. Fu guidata dal capo Ainu Shakushain contro il clan Matsumae, che rappresentava gli interessi commerciali e governativi giapponesi nell'area di Hokkaidō allora controllata dai giapponesi (popolo Yamato).La guerra iniziò come una lotta per le risorse tra il popolo di Shakushain e un clan Ainu rivale nel bacino del fiume Shibuchari (fiume Shizunai) di quello che oggi è Shinhidaka, Hokkaidō.La guerra si trasformò in un ultimo tentativo da parte degli Ainu di mantenere la loro indipendenza politica e riprendere il controllo sui termini delle loro relazioni commerciali con il popolo Yamato.
Tokugawa Tsunayoshi
Tokugawa Tsunayoshi ©Tosa Mitsuoki
1680 Jan 1 - 1709

Tokugawa Tsunayoshi

Japan
Nel 1682, lo shōgun Tsunayoshi ordinò ai suoi censori e alla polizia di elevare il tenore di vita della gente.Ben presto la prostituzione fu bandita, le cameriere non potevano essere impiegate nelle case da tè e furono vietati i tessuti rari e costosi.Molto probabilmente, il contrabbando iniziò come pratica in Giappone subito dopo l'entrata in vigore delle leggi autoritarie di Tsunayoshi.Tuttavia, sempre grazie ai consigli materni, Tsunayoshi divenne molto religioso, promuovendo il neoconfucianesimo di Zhu Xi.Nel 1682 lesse ai daimyō un'esposizione del "Grande Apprendimento", che divenne una tradizione annuale alla corte dello shōgun.Ben presto iniziò a tenere ancora più conferenze e nel 1690 tenne conferenze sul lavoro neo-confuciano ai daimyo shintoisti e buddisti e persino agli inviati della corte dell'imperatore Higashiyama a Kyoto.Era anche interessato a diverse opere cinesi, vale a dire The Great Learning (Da Xue) e The Classic of Filial Pity (Xiao Jing).Tsunayoshi amava anche l'arte e il teatro Noh.A causa del fondamentalismo religioso, Tsunayoshi ha cercato protezione per gli esseri viventi nelle parti successive del suo governo.Nel 1690 e nel primo decennio del 1700, Tsunayoshi, nato nell'Anno del Cane, pensò di dover prendere diverse misure riguardo ai cani.Una raccolta di editti emanati quotidianamente, noti come Editti sulla compassione per gli esseri viventi, diceva alla popolazione, tra le altre cose, di proteggere i cani, poiché a Edo c'erano molti cani randagi e malati che giravano per la città.Nel 1695 c'erano così tanti cani che Edo iniziò a puzzare in modo orribile.Infine, la questione è stata portata all'estremo, poiché oltre 50.000 cani sono stati deportati in canili alla periferia della città dove sarebbero stati ospitati.Apparentemente venivano nutriti con riso e pesce a spese dei cittadini contribuenti di Edo.Per l'ultima parte del regno di Tsunayoshi, fu consigliato da Yanagisawa Yoshiyasu.Era un'epoca d'oro dell'arte classica giapponese, conosciuta come l'era Genroku.
Rivolta di Jōkyō
Jōkyō uprising ©Image Attribution forthcoming. Image belongs to the respective owner(s).
1686 Jan 1

Rivolta di Jōkyō

Azumino, Nagano, Japan
La rivolta Jōkyō fu una rivolta contadina su larga scala avvenuta nel 1686 (nel terzo anno dell'era Jōkyō durante il periodo Edo) ad Azumidaira, in Giappone.Azumidaira a quel tempo faceva parte del dominio Matsumoto sotto il controllo dello shogunato Tokugawa.Il dominio era allora governato dal clan Mizuno.Numerosi episodi di rivolte contadine sono stati registrati nel periodo Edo, e in molti casi i capi delle rivolte furono giustiziati in seguito.Quei leader giustiziati sono stati ammirati come Gimin, martiri non religiosi, con il Gimin più famoso che è forse il fittizio Sakura Sōgorō.Ma l'insurrezione di Jōkyō fu unica in quanto non solo i capi della rivolta (ex capi villaggio o in carica, che non soffrirono personalmente delle pesanti tasse), ma anche una ragazza di sedici anni (soggetto del libro Oshyun di Ohtsubo Kazuko) che aveva aiutato suo padre, "il vice capobanda", furono catturati e giustiziati.Inoltre, i leader della rivolta hanno chiaramente riconosciuto la posta in gioco.Si sono resi conto che il vero problema era l'abuso dei diritti all'interno di un sistema feudale.Perché il nuovo livello fiscale era equivalente a un'aliquota fiscale del 70%;un tasso impossibile.I Mizuno compilarono Shimpu-tōki, un registro ufficiale del dominio Matsumoto circa quarant'anni dopo la rivolta.Questo Shimpu-tōki è la principale e credibile fonte di informazioni sulla rivolta.
Wakan Sansai Zue pubblicato
Wakan Sansai Zue published ©Image Attribution forthcoming. Image belongs to the respective owner(s).
Il Wakan Sansai Zue è un'enciclopedia giapponese illustrata leishu pubblicata nel 1712 nel periodo Edo.Si compone di 105 volumi in 81 libri.Il suo compilatore era Terashima, un medico di Osaka.Descrive e illustra varie attività della vita quotidiana, come la falegnameria e la pesca, oltre a piante, animali e costellazioni.Raffigura la gente di "terre diverse/strane" (ikoku) e "popoli barbari esterni".Come si evince dal titolo del libro, l'idea di Terajima si basava su un'enciclopedia cinese, in particolare sull'opera Ming Sancai Tuhui ("Pictorial..." o "Compendio illustrato dei tre poteri") di Wang Qi (1607), noto in Giappone come Sansai Zue ().Le riproduzioni del Wakan Sansai Zue sono ancora in stampa in Giappone.
Tokugawa Yoshimune
Tokugawa Yoshimune ©Kanō Tadanobu
1716 Jan 1 - 1745

Tokugawa Yoshimune

Japan
Yoshimune successe al posto di shōgun in Shōtoku-1 (1716).Il suo mandato come shōgun è durato 30 anni.Yoshimune è considerato tra i migliori shōgun Tokugawa.Yoshimune è noto per le sue riforme finanziarie.Ha licenziato il consigliere conservatore Arai Hakuseki e ha iniziato quelle che sarebbero diventate note come le riforme Kyōhō.Sebbene i libri stranieri fossero stati severamente vietati dal 1640, Yoshimune allentò le regole nel 1720, dando inizio a un afflusso di libri stranieri e delle loro traduzioni in Giappone e avviando lo sviluppo degli studi occidentali, o rangaku.L'allentamento delle regole da parte di Yoshimune potrebbe essere stato influenzato da una serie di conferenze tenute prima di lui dall'astronomo e filosofo Nishikawa Joken.
Liberalizzazione del sapere occidentale
Un incontro tra Giappone, Cina e Occidente, Shiba Kōkan, fine XVIII secolo. ©Image Attribution forthcoming. Image belongs to the respective owner(s).
Sebbene la maggior parte dei libri occidentali fosse proibita dal 1640, le regole furono allentate sotto lo shōgun Tokugawa Yoshimune nel 1720, che iniziò un afflusso di libri olandesi e le loro traduzioni in giapponese.Un esempio è la pubblicazione del 1787 di Morishima Chūryō's Sayings of the Dutch, che registra molte conoscenze ricevute dagli olandesi.Il libro descrive in dettaglio una vasta gamma di argomenti: include oggetti come microscopi e mongolfiere;discute gli ospedali occidentali e lo stato delle conoscenze su malattie e malattie;delinea le tecniche di pittura e stampa con lastre di rame;descrive la composizione dei generatori di elettricità statica e delle grandi navi;e mette in relazione conoscenze geografiche aggiornate.Tra il 1804 e il 1829, le scuole aperte in tutto il paese dallo Shogunato (Bakufu) e le terakoya (scuole del tempio) contribuirono a diffondere ulteriormente le nuove idee.A quel tempo, agli emissari e agli scienziati olandesi fu concesso un accesso molto più libero alla società giapponese.Il medico tedesco Philipp Franz von Siebold, addetto alla delegazione olandese, stabilì scambi con studenti giapponesi.Invitò gli scienziati giapponesi a mostrare loro le meraviglie della scienza occidentale, imparando, in cambio, molto sui giapponesi e sui loro costumi.Nel 1824, von Siebold iniziò una scuola di medicina nella periferia di Nagasaki.Ben presto questo Narutaki-juku divenne un luogo di incontro per una cinquantina di studenti provenienti da tutto il paese.Pur ricevendo un'accurata educazione medica, aiutarono con gli studi naturalistici di von Siebold.
Riforme Kyōhō
Partecipazione in massa del Daimyo al Castello di Edo in un giorno festivo dal Tokugawa Seiseiroku, Museo Nazionale di Storia Giapponese ©Image Attribution forthcoming. Image belongs to the respective owner(s).
1722 Jan 1 - 1730

Riforme Kyōhō

Japan
Le riforme Kyōhō erano una serie di politiche economiche e culturali introdotte dallo shogunato Tokugawa tra il 1722 e il 1730 durante il periodo Edo per migliorare il suo status politico e sociale.Queste riforme furono istigate dall'ottavo shōgun Tokugawa del Giappone, Tokugawa Yoshimune, che comprendeva i primi 20 anni del suo shogunato.Il nome Kyōhō Reforms si riferisce al periodo Kyōhō (luglio 1716 - aprile 1736).Le riforme miravano a rendere lo shogunato Tokugawa finanziariamente solvibile e, in una certa misura, a migliorare la sua sicurezza politica e sociale.A causa delle tensioni tra l'ideologia confuciana e la realtà economica del Giappone Tokugawa (principi confuciani secondo cui il denaro stava contaminando contro la necessità di un'economia di cassa), Yoshimune ritenne necessario accantonare alcuni principi confuciani che stavano ostacolando il suo processo di riforma.Le riforme Kyōhō includevano un'enfasi sulla frugalità, così come la formazione di corporazioni mercantili che consentivano un maggiore controllo e tassazione.Il divieto sui libri occidentali (meno quelli relativi o riferiti al cristianesimo) è stato revocato per incoraggiare l'importazione della conoscenza e della tecnologia occidentali.Le regole di frequenza alternativa (sankin-kōtai) sono state allentate.Questa politica era un peso per i daimyō, a causa del costo per mantenere due famiglie e spostare persone e merci tra di loro, pur mantenendo uno spettacolo di status e difendendo le loro terre quando erano assenti.Le riforme Kyōhō alleggerirono in qualche modo questo fardello nel tentativo di ottenere sostegno per lo shogunato dai daimyō .
Tokugawa Ieshige
Tokugawa Ieshige ©Kanō Terunobu
1745 Jan 1 - 1760

Tokugawa Ieshige

Japan
Disinteressato agli affari di governo, Ieshige lasciò tutte le decisioni nelle mani del suo ciambellano, Ōoka Tadamitsu (1709–1760).Si ritirò ufficialmente nel 1760 e assunse il titolo di Ōgosho, nominò il suo primo figlio Tokugawa Ieharu decimo shōgun e morì l'anno successivo.Il regno di Ieshige fu assalito da corruzione, disastri naturali, periodi di carestia e l'emergere della classe mercantile, e la sua goffaggine nell'affrontare questi problemi indebolì notevolmente il dominio di Tokugawa.
Grande carestia Tenmei
Grande carestia Tenmei ©Image Attribution forthcoming. Image belongs to the respective owner(s).
1782 Jan 1 - 1788

Grande carestia Tenmei

Japan
La carestia del Grande Tenmei fu una carestia che colpì il Giappone durante il periodo Edo.Si ritiene che sia iniziato nel 1782 e sia durato fino al 1788. Prende il nome dall'era Tenmei (1781–1789), durante il regno dell'imperatore Kōkaku.Gli shogun al potere durante la carestia erano Tokugawa Ieharu e Tokugawa Ienari.La carestia fu la più mortale durante il primo periodo moderno in Giappone.
1787 - 1866
Tardo periodo Edo
Riforme Kansei
L'imperatore Kōkaku parte per il Palazzo Imperiale Sentō dopo aver abdicato nel 1817 ©Image Attribution forthcoming. Image belongs to the respective owner(s).
1787 Jan 1 00:01 - 1793

Riforme Kansei

Japan
Le Riforme Kansei erano una serie di modifiche politiche reazionarie ed editti che avevano lo scopo di curare una serie di problemi percepiti che si erano sviluppati nel Giappone Tokugawa della metà del XVIII secolo.Kansei si riferisce al nengō che ha attraversato gli anni dal 1789 al 1801;con le riforme avvenute durante il periodo Kansei ma tra gli anni 1787–1793.Alla fine, gli interventi dello shogunato hanno avuto successo solo in parte.Fattori intervenuti come carestie, inondazioni e altri disastri hanno esacerbato alcune delle condizioni che lo shōgun intendeva migliorare.Matsudaira Sadanobu (1759–1829) fu nominato consigliere capo dello shōgun (rōjū) nell'estate del 1787;e all'inizio dell'anno successivo divenne reggente dell'undicesimo shōgun, Tokugawa Ienari.In qualità di principale responsabile delle decisioni amministrative nella gerarchia del bakufu, era nella posizione di effettuare un cambiamento radicale;e le sue azioni iniziali hanno rappresentato una rottura aggressiva con il recente passato.Gli sforzi di Sadanobu si concentrarono sul rafforzamento del governo ribaltando molte delle politiche e pratiche che erano diventate comuni sotto il regime del precedente shōgun, Tokugawa Ieharu.Sadanobu ha aumentato le riserve di riso del bakufu e ha richiesto ai daimyo di fare lo stesso.Ridusse le spese nelle città, mise da parte riserve per future carestie e incoraggiò i contadini delle città a tornare in campagna.Ha cercato di istituire politiche che promuovessero la moralità e la frugalità, come vietare attività stravaganti nelle campagne e frenare la prostituzione senza licenza nelle città.Sadanobu ha anche annullato alcuni debiti dovuti dai daimyo ai mercanti.Queste politiche di riforma potrebbero essere interpretate come una risposta reazionaria agli eccessi del suo predecessore rōjū, Tanuma Okitsugu (1719–1788).Il risultato fu che le riforme di liberalizzazione avviate da Tanuma all'interno del bakufu e l'allentamento del sakoku (la politica giapponese di "porte chiuse" di stretto controllo dei mercanti stranieri) furono annullate o bloccate.La politica educativa fu cambiata attraverso l'Editto Kansei del 1790 che imponeva l'insegnamento del neo-confucianesimo di Zhu Xi come filosofia confuciana ufficiale del Giappone.Il decreto vietava alcune pubblicazioni e imponeva la stretta osservanza della dottrina neo-confuciana, soprattutto per quanto riguarda il curriculum della scuola ufficiale Hayashi.Questo movimento di riforma era legato ad altri tre durante il periodo Edo: le riforme Kyōhō (1722–30), le riforme Tenpō del 1841–43 e le riforme Keiō (1864–67).
Editto per respingere le navi straniere
Disegno giapponese della Morrison, ancorata davanti all'Uraga nel 1837. ©Image Attribution forthcoming. Image belongs to the respective owner(s).
L'editto per respingere le navi straniere era una legge promulgata dallo shogunato Tokugawa nel 1825 con l'effetto che tutte le navi straniere dovevano essere allontanate dalle acque giapponesi.Un esempio della legge messa in pratica fu l' incidente Morrison del 1837 , in cui fu attaccata una nave mercantile americana che tentava di utilizzare il ritorno di naufraghi giapponesi come leva per avviare il commercio. La legge fu abrogata nel 1842.
La carestia dei Tenpo
La carestia dei Tenpo ©Image Attribution forthcoming. Image belongs to the respective owner(s).
1833 Jan 1 - 1836

La carestia dei Tenpo

Japan
La carestia Tenpō, nota anche come Grande carestia Tenpō, fu una carestia che colpì il Giappone durante il periodo Edo.Considerato che sia durato dal 1833 al 1837, prese il nome dall'era Tenpō (1830-1844), durante il regno dell'imperatore Ninkō.Lo shōgun al potere durante la carestia era Tokugawa Ienari.La carestia è stata più grave nell'Honshū settentrionale ed è stata causata da inondazioni e freddo.La carestia faceva parte di una serie di calamità che scossero la fede del popolo nel bakufu al potere.Nello stesso periodo della carestia ci furono anche gli Incendi di Kōgo di Edo (1834) e un terremoto di magnitudo 7,6 nella regione di Sanriku (1835).Nell'ultimo anno di carestia, Ōshio Heihachirō guidò una rivolta a Osaka contro funzionari corrotti, che si rifiutarono di aiutare a nutrire i residenti poveri della città.Un'altra rivolta sorse nel dominio di Chōshū.Sempre nel 1837, la nave mercantile americana Morrison apparve al largo della costa di Shikoku e fu respinta dall'artiglieria costiera.Quegli incidenti hanno fatto sembrare il bakufu Tokugawa debole e impotente, e hanno messo in luce la corruzione dei funzionari che ne hanno tratto profitto mentre la gente comune ha sofferto.
Arrivo delle navi nere
Arrivo delle navi nere ©Image Attribution forthcoming. Image belongs to the respective owner(s).
1853 Jul 14

Arrivo delle navi nere

Japan
La Perry Expedition ("L'arrivo delle navi nere") fu una spedizione diplomatica e militare durante il 1853-54 allo Shogunato Tokugawa che coinvolse due viaggi separati di navi da guerra della Marina degli Stati Uniti .Gli obiettivi di questa spedizione includevano l'esplorazione, il rilevamento e l'instaurazione di relazioni diplomatiche e la negoziazione di accordi commerciali con varie nazioni della regione;l'apertura di contatti con il governo del Giappone era considerata una priorità assoluta della spedizione ed è stata una delle ragioni principali del suo inizio.La spedizione era comandata dal commodoro Matthew Calbraith Perry, agli ordini del presidente Millard Fillmore.L'obiettivo principale di Perry era quello di forzare la fine della politica di isolamento del Giappone di 220 anni e di aprire i porti giapponesi al commercio americano, attraverso l'uso della diplomazia delle cannoniere se necessario.La spedizione di Perry portò direttamente all'instaurazione di relazioni diplomatiche tra il Giappone e le grandi potenze occidentali, e infine al crollo dello shogunato Tokugawa al potere e alla restaurazione dell'imperatore.Dopo la spedizione, le fiorenti rotte commerciali del Giappone con il mondo portarono alla tendenza culturale del Japonisme, in cui aspetti della cultura giapponese influenzarono l'arte in Europa e in America.
Declino: periodo Bakumatsu
Samurai del clan Chosyu, durante il periodo della Guerra Boshin ©Image Attribution forthcoming. Image belongs to the respective owner(s).
1853 Aug 1 - 1867

Declino: periodo Bakumatsu

Japan
Tra la fine del diciottesimo e l'inizio del diciannovesimo secolo, lo shogunato mostrò segni di indebolimento.La drammatica crescita dell'agricoltura che aveva caratterizzato il primo periodo Edo era terminata e il governo gestì male le devastanti carestie di Tenpō.I disordini contadini sono cresciuti e le entrate del governo sono diminuite.Lo shogunato ha tagliato la paga dei samurai già in difficoltà finanziarie, molti dei quali hanno svolto lavori secondari per guadagnarsi da vivere.I samurai scontenti avrebbero presto svolto un ruolo importante nell'ingegnerizzazione della caduta dello shogunato Tokugawa.L'arrivo nel 1853 di una flotta di navi americane comandate dal commodoro Matthew C. Perry gettò nel caos il Giappone.Il governo degli Stati Uniti mirava a porre fine alle politiche isolazioniste del Giappone.Lo shogunato non aveva alcuna difesa contro le cannoniere di Perry e dovette accettare le sue richieste che alle navi americane fosse permesso di acquistare provviste e commerciare nei porti giapponesi.Le potenze occidentali imposero al Giappone quelli che divennero noti come "trattati ineguali" che stabilivano che il Giappone doveva consentire ai cittadini di questi paesi di visitare o risiedere sul territorio giapponese e non doveva imporre tariffe sulle loro importazioni o processarli nei tribunali giapponesi.L'incapacità dello shogunato di opporsi alle potenze occidentali fece arrabbiare molti giapponesi, in particolare quelli dei domini meridionali di Chōshū e Satsuma.Molti samurai lì, ispirati dalle dottrine nazionaliste della scuola kokugaku, adottarono lo slogan di sonnō jōi ("riverisci l'imperatore, espelle i barbari").I due domini hanno continuato a formare un'alleanza.Nell'agosto 1866, subito dopo essere diventato shogun, Tokugawa Yoshinobu, lottò per mantenere il potere mentre continuavano i disordini civili.I domini Chōshū e Satsuma nel 1868 convinsero il giovane imperatore Meiji ei suoi consiglieri a emettere un rescritto che chiedeva la fine dello shogunato Tokugawa.Gli eserciti di Chōshū e Satsuma marciarono presto su Edo e la conseguente Guerra Boshin portò alla caduta dello shogunato.Bakumatsu furono gli ultimi anni del periodo Edo, quando finì lo shogunato Tokugawa.La principale divisione ideologico-politica durante questo periodo era tra i nazionalisti filo-imperiali chiamati ishin shishi e le forze dello shogunato, che includevano gli spadaccini d'élite shinsengumi.Il punto di svolta del Bakumatsu fu durante la guerra Boshin e la battaglia di Toba-Fushimi, quando le forze pro-shogunato furono sconfitte.
Fine del Sakoku
Fine del Sakoku (l'isolamento nazionale del Giappone) ©Image Attribution forthcoming. Image belongs to the respective owner(s).
1854 Mar 31

Fine del Sakoku

Yokohama, Kanagawa, Japan
La Convenzione di Kanagawa o Trattato di pace e amicizia tra Giappone e Stati Uniti fu un trattato firmato tra gli Stati Uniti e lo shogunato Tokugawa il 31 marzo 1854. Firmato sotto la minaccia della forza, significò effettivamente la fine dei 220 anni del Giappone. vecchia politica di segregazione nazionale (sakoku) aprendo i porti di Shimoda e Hakodate alle navi americane.Garantiva inoltre la sicurezza dei naufraghi americani e stabiliva la posizione di un console americano in Giappone.Il trattato ha accelerato la firma di trattati simili che stabiliscono relazioni diplomatiche con altre potenze occidentali.Internamente, il trattato ha avuto conseguenze di vasta portata.La decisione di sospendere le precedenti restrizioni alle attività militari portò al riarmo di molti domini e indebolì ulteriormente la posizione dello shogun.Il dibattito sulla politica estera e l'indignazione popolare per la pacificazione percepita nei confronti delle potenze straniere furono un catalizzatore per il movimento sonnō jōi e uno spostamento del potere politico da Edo alla corte imperiale di Kyoto.L'opposizione dell'imperatore Kōmei ai trattati diede ulteriore sostegno al movimento tōbaku (rovesciare lo shogunato) e, infine, alla Restaurazione Meiji , che colpì tutti i regni della vita giapponese.Dopo questo periodo ci fu un aumento del commercio estero, l'ascesa della potenza militare giapponese e il successivo aumento del progresso economico e tecnologico giapponese.L'occidentalizzazione all'epoca era un meccanismo di difesa, ma da allora il Giappone ha trovato un equilibrio tra la modernità occidentale e la tradizione giapponese.
Fondazione del Centro di addestramento navale di Nagasaki
Il Nagasaki Training Center, a Nagasaki, vicino a Dejima ©Image Attribution forthcoming. Image belongs to the respective owner(s).
Il Nagasaki Naval Training Center era un istituto di addestramento navale, dal 1855 quando fu istituito dal governo dello shogunato Tokugawa, fino al 1859, quando fu trasferito a Tsukiji a Edo.Durante il periodo Bakumatsu, il governo giapponese affrontò crescenti incursioni di navi provenienti dal mondo occidentale, intente a porre fine ai due secoli di politica estera isolazionista del paese.Questi sforzi si sommarono con lo sbarco del commodoro degli Stati Uniti Matthew Perry nel 1854, che portò al Trattato di Kanagawa e all'apertura del Giappone al commercio estero.Il governo Tokugawa ha deciso di ordinare moderne navi da guerra a vapore e di costruire un centro di addestramento navale come parte dei suoi sforzi di modernizzazione per far fronte alla minaccia militare percepita rappresentata dalle marine occidentali più avanzate.Gli ufficiali della Marina reale olandese erano incaricati dell'istruzione.Il curriculum è stato ponderato verso la navigazione e la scienza occidentale.L'istituto di addestramento fu anche equipaggiato con la prima nave a vapore del Giappone, la Kankō Maru donata dal re dei Paesi Bassi nel 1855. Successivamente fu raggiunta dalla Kanrin Maru e dalla Chōyō.La decisione di chiudere la Scuola è stata presa per motivi politici, derivanti sia dalla parte giapponese che da quella olandese.Mentre i Paesi Bassi temevano che le altre potenze occidentali sospettassero che stavano aiutando i giapponesi ad accumulare potenza navale per respingere gli occidentali, lo Shogunato divenne riluttante a dare ai samurai dei domini tradizionalmente anti-Tokugawa l'opportunità di apprendere la moderna tecnologia navale.Sebbene il Centro di addestramento navale di Nagasaki fosse di breve durata, ebbe una notevole influenza diretta e indiretta sulla futura società giapponese.Il Nagasaki Naval Training Center istruì molti ufficiali e ingegneri navali che in seguito sarebbero diventati non solo i fondatori della Marina imperiale giapponese, ma anche i promotori della costruzione navale giapponese e di altre industrie.
Trattato di Tientsin
Firma del Trattato di Tientsin, 1858. ©Image Attribution forthcoming. Image belongs to the respective owner(s).
1858 Jun 1

Trattato di Tientsin

China
La dinastia Qing è costretta ad accettare trattati ineguali, che hanno aperto più porti cinesi al commercio estero, consentito legazioni straniere nella capitale cinese Pechino, consentito l'attività missionaria cristiana e legalizzato di fatto l'importazione di oppio.Questo manda onde d'urto in Giappone, mostrando la forza delle potenze occidentali.
Ambasciata giapponese negli Stati Uniti
Kanrin Maru (circa 1860) ©Image Attribution forthcoming. Image belongs to the respective owner(s).
1860 Jan 1

Ambasciata giapponese negli Stati Uniti

San Francisco, CA, USA
L'ambasciata giapponese negli Stati Uniti, Man'en gannen kenbei shisetsu, lett.Primo anno della missione dell'era Man'en in America) fu inviato nel 1860 dallo shogunato Tokugawa (bakufu).Il suo obiettivo era ratificare il nuovo Trattato di amicizia, commercio e navigazione tra gli Stati Uniti e il Giappone, oltre ad essere la prima missione diplomatica del Giappone negli Stati Uniti dall'apertura del Giappone nel 1854 da parte del commodoro Matthew Perry.Un altro aspetto significativo della missione è stato l'invio da parte dello shogunato di una nave da guerra giapponese, la Kanrin Maru, per accompagnare la delegazione attraverso il Pacifico e dimostrare così il grado in cui il Giappone aveva padroneggiato le tecniche di navigazione e le tecnologie navali occidentali appena sei anni dopo aver terminato la sua politica di isolamento. di quasi 250 anni.
L'incidente di Sakuradamon
L'incidente di Sakuradamon ©Image Attribution forthcoming. Image belongs to the respective owner(s).
1860 Mar 24

L'incidente di Sakuradamon

Sakurada-mon Gate, 1-1 Kokyoga
Ii Naosuke, primo ministro dello shogunato Tokugawa, fu assassinato il 24 marzo 1860 da rōnin samurai del dominio Mito e del dominio Satsuma, fuori dalla porta Sakurada del castello di Edo.Ii Naosuke era un sostenitore della riapertura del Giappone dopo più di 200 anni di isolamento, fu ampiamente criticato per aver firmato il Trattato di amicizia e commercio del 1858 con il console degli Stati Uniti Townsend Harris e, subito dopo, trattati simili con altri paesi occidentali.Dal 1859, i porti di Nagasaki, Hakodate e Yokohama furono aperti ai commercianti stranieri in conseguenza dei Trattati.
Ordine di espellere i barbari
Un'immagine del 1861 che esprime il sentimento Joi ("Espellere i Barbari"). ©Image Attribution forthcoming. Image belongs to the respective owner(s).
L'Ordine di espulsione dei barbari era un editto emesso dall'imperatore giapponese Kōmei nel 1863 contro l'occidentalizzazione del Giappone in seguito all'apertura del paese da parte del commodoro Perry nel 1854. L'editto era basato su un diffuso sentimento anti-straniero e legittimista, chiamato Sonnō jōi Movimento "Riverisci l'imperatore, espelle i barbari".L'imperatore Kōmei concordò personalmente con tali sentimenti e, rompendo con secoli di tradizione imperiale, iniziò ad assumere un ruolo attivo nelle questioni di stato: quando se ne presentarono le opportunità, si lanciò contro i trattati e tentò di interferire nella successione dello shogun.Lo Shogunato non aveva intenzione di far rispettare l'ordine e l'Editto ispirò attacchi contro lo stesso Shogunato e contro gli stranieri in Giappone.L'incidente più famoso è stato il fuoco su navi straniere nello stretto di Shimonoseki al largo della provincia di Chōshū non appena è stata raggiunta la scadenza.I samurai senza padrone (rōnin) si unirono alla causa, assassinando funzionari dello shogunato e occidentali.L'uccisione del commerciante inglese Charles Lennox Richardson è talvolta considerata il risultato di questa politica.Il governo Tokugawa doveva pagare un'indennità di centomila sterline britanniche per la morte di Richardson.Ma questo si rivelò essere l'apice del movimento sonnō jōi, poiché le potenze occidentali risposero agli attacchi giapponesi alle navi occidentali con il bombardamento di Shimonoseki.In precedenza Satsuma aveva chiesto pesanti risarcimenti per l'omicidio di Charles Lennox Richardson - l'incidente di Namamugi.Quando questi non erano disponibili, uno squadrone di navi della Royal Navy si recò al porto Satsuma di Kagoshima per costringere il daimyō a pagare.Invece, ha aperto il fuoco sulle navi dalle sue batterie costiere e lo squadrone ha reagito.Questo è stato successivamente denominato, in modo impreciso, il bombardamento di Kagoshima.Questi incidenti hanno mostrato chiaramente che il Giappone non poteva competere con la potenza militare occidentale e che uno scontro brutale non poteva essere la soluzione.Questi eventi, però, servirono anche a indebolire ulteriormente lo shogunato, che appariva troppo impotente e compromettente nei suoi rapporti con le potenze occidentali.Alla fine le province ribelli si allearono e rovesciarono lo shogunato nella Guerra Boshin e nella successiva Restaurazione Meiji .
Campagna di Shimonoseki
Il bombardamento di Shimonoseki da parte della nave da guerra francese Tancrède (sullo sfondo) e dell'ammiraglia dell'ammiraglio, Semiramis.(in primo piano), Jean-Baptiste Henri Durand-Brager, 1865. ©Image Attribution forthcoming. Image belongs to the respective owner(s).
1863 Jul 20 - 1864 Sep 6

Campagna di Shimonoseki

Shimonoseki, Yamaguchi, Japan

La campagna di Shimonoseki si riferisce a una serie di impegni militari nel 1863 e nel 1864, combattuti per controllare lo stretto di Shimonoseki del Giappone da forze navali congiunte di Gran Bretagna, Francia , Paesi Bassi e Stati Uniti , contro il dominio feudale giapponese di Chōshū, che prese posto al largo e sulla costa di Shimonoseki, in Giappone.

Incidente di Tenchugumi
Tenchūgumi incident ©Image Attribution forthcoming. Image belongs to the respective owner(s).
1863 Sep 29 - 1864 Sep

Incidente di Tenchugumi

Nara Prefecture, Japan
L'incidente di Tenchūgumi fu una rivolta militare di attivisti sonnō jōi (riverire l'imperatore ed espellere i barbari) nella provincia di Yamato, ora prefettura di Nara, il 29 settembre 1863, durante il periodo Bakumatsu.L'imperatore Kōmei aveva inviato un dispaccio allo shōgun Tokugawa Iemochi per espellere gli stranieri dal Giappone all'inizio del 1863. Lo shōgun rispose con una visita a Kyoto in aprile, ma rifiutò le richieste della fazione Jōi.Il 25 settembre l'imperatore annunciò che si sarebbe recato nella provincia di Yamato, alla tomba dell'imperatore Jimmu, il mitico fondatore del Giappone, per annunciare la sua dedizione alla causa Jōi.In seguito, un gruppo chiamato Tenchūgumi composto da 30 samurai e rōnin di Tosa e altri feudi marciò nella provincia di Yamato e assunse l'ufficio del magistrato a Gojō.Erano guidati da Yoshimura Toratarō.Il giorno successivo, i lealisti dello shogunato di Satsuma e Aizu hanno reagito espellendo diversi funzionari imperiali della fazione sonnō jōi dalla corte imperiale di Kyoto, nel colpo di stato di Bunkyū.Lo shogunato inviò truppe per reprimere i Tenchūgumi, che furono infine sconfitti nel settembre 1864.
Mito ribellione
Mito ribellione ©Utagawa Kuniteru III
1864 May 1 - 1865 Jan

Mito ribellione

Mito Castle Ruins, 2 Chome-9 S
La ribellione di Mito fu una guerra civile avvenuta nell'area del Dominio di Mito in Giappone tra il maggio 1864 e il gennaio 1865. Comportò una rivolta e azioni terroristiche contro il potere centrale dello Shogunato a favore del sonnō jōi ("Revere l'imperatore, espellere i barbari").Una forza di pacificazione dello shogun fu inviata sul Monte Tsukuba il 17 giugno 1864, composta da 700 soldati Mito guidati da Ichikawa, con da 3 a 5 cannoni e almeno 200 armi da fuoco, oltre a una forza dello shogunato Tokugawa di 3.000 uomini con oltre 600 armi da fuoco e diverse cannoni.Con l'escalation del conflitto, il 10 ottobre 1864 a Nakaminato, la forza dello shogunato di 6.700 fu sconfitta da 2000 ribelli e seguirono diverse sconfitte dello shogun.Tuttavia, gli insorti si stavano indebolendo, riducendosi a circa 1.000.Nel dicembre 1864 affrontarono una nuova forza sotto Tokugawa Yoshinobu (lui stesso nato a Mito) che contava oltre 10.000, che alla fine li costrinse ad arrendersi.La rivolta ha provocato 1.300 morti dalla parte dei ribelli, che hanno subito una feroce repressione, comprese 353 esecuzioni e circa 100 morti in cattività.
Incidente di Kinmon
Kinmon incident ©Image Attribution forthcoming. Image belongs to the respective owner(s).
1864 Aug 20

Incidente di Kinmon

Kyoto Imperial Palace, 3 Kyoto
Nel marzo 1863, i ribelli shishi cercarono di prendere il controllo dell'Imperatore per riportare la famiglia imperiale alla sua posizione di supremazia politica.Durante quella che fu una sanguinosa repressione della ribellione, il principale clan Chōshū fu ritenuto responsabile della sua istigazione.Per contrastare il tentativo di rapimento dei ribelli, gli eserciti dei domini Aizu e Satsuma (quest'ultimo guidato da Saigo Takamori) guidarono la difesa del palazzo imperiale.Tuttavia, durante il tentativo, i ribelli incendiarono Kyoto, a cominciare dalla residenza della famiglia Takatsukasa e da quella di un funzionario Chōshū.Lo shogunato seguì l'incidente con una spedizione armata di rappresaglia, la prima spedizione Chōshū, nel settembre 1864.
Prima spedizione Chōshū
clan Satsuma ©Image Attribution forthcoming. Image belongs to the respective owner(s).
1864 Sep 1 - Nov

Prima spedizione Chōshū

Hagi Castle Ruins, 1-1 Horiuch
La prima spedizione Chōshū fu una spedizione militare punitiva dello shogunato Tokugawa contro il dominio Chōshū nel settembre-novembre 1864. La spedizione fu una rappresaglia per il ruolo di Chōshū nell'attacco al palazzo imperiale di Kyoto durante l'incidente di Kinmon nell'agosto 1864. La spedizione terminò in una vittoria nominale per lo shogunato dopo che un accordo negoziato da Saigō Takamori ha permesso a Chōshū di consegnare i capobanda dell'incidente Kinmon.Il conflitto portò infine a un compromesso mediato dal Dominio di Satsuma alla fine del 1864. Sebbene Satsuma inizialmente colse al volo l'opportunità di indebolire il suo tradizionale nemico Chōshū, si rese presto conto che l'intenzione del Bakufu era prima di neutralizzare Chōshū, e poi di neutralizza Satsuma.Per questo motivo, Saigō Takamori, che era uno dei comandanti delle forze dello shogunato, propose di evitare di combattere e ottenere invece i capi responsabili della ribellione.Chōshū fu sollevato nell'accettare, così come le forze dello shogunato, che non erano molto interessate alla battaglia.Così finì la prima spedizione Chōshū senza combattere, come una vittoria nominale per il Bakufu.
Seconda spedizione Chōshū
Truppe dello shogun modernizzate nella seconda spedizione di Chōshū ©Image Attribution forthcoming. Image belongs to the respective owner(s).
1866 Jun 7

Seconda spedizione Chōshū

Iwakuni Castle, 3 Chome Yokoya
La seconda spedizione Chōshū fu annunciata il 6 marzo 1865. L'operazione iniziò il 7 giugno 1866 con il bombardamento di Suō-Ōshima nella prefettura di Yamaguchi da parte della Marina del Bakufu.La spedizione si concluse con un disastro militare per le truppe dello shogunato, poiché le forze di Chōshū furono modernizzate e organizzate in modo efficace.Al contrario, l'esercito dello shogunato era composto da forze feudali antiquate del Bakufu e di numerosi domini vicini, con solo piccoli elementi di unità modernizzate.Molti domini fecero solo sforzi poco convinti e diversi rifiutarono apertamente gli ordini di attacco dello shogunato, in particolare Satsuma che a questo punto aveva stretto un'alleanza con Chōshū.Tokugawa Yoshinobu, il nuovo shōgun, riuscì a negoziare un cessate il fuoco dopo la morte del precedente shōgun, ma la sconfitta indebolì fatalmente il prestigio dello shogunato.L'abilità militare dei Tokugawa si rivelò essere una tigre di carta, e divenne evidente che lo shogunato non poteva più imporre la sua volontà sui domini.Si vede spesso che la disastrosa campagna ha segnato il destino dello shogunato Tokugawa.La sconfitta stimolò il Bakufu a fare numerose riforme per modernizzare la sua amministrazione e il suo esercito.Il fratello minore di Yoshinobu, Ashitake, fu inviato all'Esposizione di Parigi del 1867, l'abbigliamento occidentale sostituì l'abito giapponese alla corte dello shogun e la collaborazione con i francesi fu rafforzata portando alla missione militare francese del 1867 in Giappone.
Tokugawa Yoshinobu
Yoshinobu ad Osaka. ©Image Attribution forthcoming. Image belongs to the respective owner(s).
1866 Aug 29 - 1868

Tokugawa Yoshinobu

Japan
Il principe Tokugawa Yoshinobu è stato il quindicesimo e ultimo shōgun dello shogunato Tokugawa del Giappone.Faceva parte di un movimento che mirava a riformare il vecchio shogunato, ma alla fine non ebbe successo.Immediatamente dopo l'ascensione di Yoshinobu come shōgun, furono avviati importanti cambiamenti.Fu intrapresa una massiccia revisione del governo per avviare riforme che avrebbero rafforzato il governo Tokugawa.In particolare, fu organizzata l'assistenza del Secondo Impero francese, con la costruzione dell'arsenale di Yokosuka sotto Léonce Verny, e l'invio di una missione militare francese per modernizzare gli eserciti del bakufu.L'esercito e la marina nazionali, che erano già stati formati sotto il comando Tokugawa, furono rafforzati dall'assistenza dei russi e dalla missione Tracey fornita dalla Royal Navy britannica.L'attrezzatura è stata acquistata anche dagli Stati Uniti.La prospettiva tra molti era che lo shogunato Tokugawa stesse guadagnando terreno verso una forza e un potere rinnovati;tuttavia, è caduto in meno di un anno.Dopo le dimissioni alla fine del 1867, andò in pensione ed evitò in gran parte l'opinione pubblica per il resto della sua vita.
Addestramento militare occidentale
Ufficiali francesi che addestrano le truppe Shōgun a Osaka nel 1867. ©Image Attribution forthcoming. Image belongs to the respective owner(s).
1867 Jan 1 - 1868

Addestramento militare occidentale

Japan
Attraverso il suo rappresentante in Europa, Shibata Takenaka, lo shogunato Tokugawa fece una richiesta all'imperatore Napoleone III con l'intenzione di modernizzare le forze militari giapponesi.La missione militare francese del 1867-1868 fu una delle prime missioni di addestramento militare straniero in Giappone.Shibata aveva inoltre chiesto sia al Regno Unito che alla Francia di schierare una missione militare per l'addestramento alla guerra occidentale.Shibata stava già negoziando con i francesi per la costruzione del cantiere navale di Yokosuka.Attraverso la missione Tracey, il Regno Unito ha sostenuto le forze navali di Bakufu.Prima che lo shogunato Tokugawa fosse sconfitto dalle truppe imperiali nella Guerra Boshin nel 1868, la missione militare fu in grado di addestrare un corpo d'élite dello shogun Tokugawa Yoshinobu, il Denshtai, per poco più di un anno.In seguito, nell'ottobre 1868 il nuovo imperatore Meiji emise un ordine affinché la missione militare francese lasciasse il Giappone.
Fine del periodo Edo
L'imperatore Meiji ©Image Attribution forthcoming. Image belongs to the respective owner(s).
1867 Feb 3

Fine del periodo Edo

Japan
L'imperatore Kōmei morì all'età di 35 anni. Si crede generalmente a causa dell'epidemia di vaiolo.Questo segnò la fine del periodo Edo.L'imperatore Meiji salì al trono del crisantemo.Questo ha segnato l'inizio del periodo Meiji .
Restauro Meiji
Restauro Meiji ©Image Attribution forthcoming. Image belongs to the respective owner(s).
1868 Jan 3

Restauro Meiji

Japan
La Restaurazione Meiji fu un evento politico che ripristinò il dominio imperiale pratico in Giappone nel 1868 sotto l'imperatore Meiji.Sebbene ci fossero imperatori al potere prima della Restaurazione Meiji, gli eventi ripristinarono le capacità pratiche e consolidarono il sistema politico sotto l'imperatore del Giappone.Gli obiettivi del governo restaurato furono espressi dal nuovo imperatore nel Giuramento della Carta.La Restaurazione ha portato a enormi cambiamenti nella struttura politica e sociale del Giappone e ha attraversato sia il tardo periodo Edo (spesso chiamato Bakumatsu) che l'inizio dell'era Meiji, durante il quale il Giappone si è rapidamente industrializzato e ha adottato idee e metodi di produzione occidentali.
Guerra Boshin
Guerra Boshin ©Image Attribution forthcoming. Image belongs to the respective owner(s).
1868 Jan 27 - 1869 Jun 27

Guerra Boshin

Japan
La guerra Boshin, a volte nota come guerra civile giapponese, fu una guerra civile combattuta in Giappone dal 1868 al 1869 tra le forze dello shogunato Tokugawa al potere e una cricca che cercava di impadronirsi del potere politico in nome della corte imperiale.La guerra è stata fondata in insoddisfazione tra molti nobili e giovani samurai per la gestione degli stranieri da parte dello shogunato in seguito all'apertura del Giappone durante il decennio precedente.La crescente influenza occidentale nell'economia portò a un declino simile a quello di altri paesi asiatici dell'epoca.Un'alleanza di samurai occidentali, in particolare i domini di Chōshū, Satsuma e Tosa, e funzionari di corte assicurò il controllo della corte imperiale e influenzò il giovane imperatore Meiji.Tokugawa Yoshinobu, lo shōgun seduto, rendendosi conto dell'inutilità della sua situazione, abdicò al potere politico a favore dell'imperatore.Yoshinobu aveva sperato che in questo modo la Casa di Tokugawa potesse essere preservata e partecipare al futuro governo.Tuttavia, i movimenti militari delle forze imperiali, la violenza partigiana a Edo e un decreto imperiale promosso da Satsuma e Chōshū che aboliva la Casa di Tokugawa portarono Yoshinobu a lanciare una campagna militare per impadronirsi della corte dell'imperatore a Kyoto.La marea militare si trasformò rapidamente a favore della fazione imperiale più piccola ma relativamente modernizzata e, dopo una serie di battaglie culminate con la resa di Edo, Yoshinobu si arrese personalmente.Quelli fedeli ai Tokugawa si ritirarono nell'Honshū settentrionale e successivamente nell'Hokkaidō, dove fondarono la Repubblica di Ezo.La sconfitta nella battaglia di Hakodate ruppe quest'ultima resistenza e lasciò il dominio imperiale supremo in tutto il Giappone, completando la fase militare della Restaurazione Meiji .Durante il conflitto furono mobilitati circa 69.000 uomini e di questi circa 8.200 furono uccisi.Alla fine, la vittoriosa fazione imperiale abbandonò il suo obiettivo di espellere gli stranieri dal Giappone e adottò invece una politica di continua modernizzazione in vista di un'eventuale rinegoziazione dei trattati iniqui con le potenze occidentali.A causa della persistenza di Saigō Takamori, un leader di spicco della fazione imperiale, ai lealisti Tokugawa fu mostrata clemenza e molti ex leader dello shogunato e samurai ricevettero in seguito posizioni di responsabilità sotto il nuovo governo.Quando iniziò la guerra Boshin, il Giappone si stava già modernizzando, seguendo lo stesso corso di avanzamento di quello delle nazioni occidentali industrializzate.Poiché le nazioni occidentali, in particolare il Regno Unito e la Francia, erano profondamente coinvolte nella politica del paese, l'insediamento del potere imperiale aggiunse ulteriore turbolenza al conflitto.Nel corso del tempo, la guerra è stata idealizzata come una "rivoluzione incruenta", poiché il numero di vittime era piccolo rispetto alle dimensioni della popolazione giapponese.Tuttavia, presto emersero conflitti tra i samurai occidentali ei modernisti della fazione imperiale, che portarono alla più sanguinosa ribellione di Satsuma.

HistoryMaps Shop

Heroes of the American Revolution Painting

Explore the rich history of the American Revolution through this captivating painting of the Continental Army. Perfect for history enthusiasts and art collectors, this piece brings to life the bravery and struggles of early American soldiers.

Characters



Tokugawa Ieyasu

Tokugawa Ieyasu

First Shōgun of the Tokugawa Shogunate

Tokugawa Hidetada

Tokugawa Hidetada

Second Tokugawa Shogun

Tokugawa Yoshimune

Tokugawa Yoshimune

Eight Tokugawa Shogun

Tokugawa Yoshinobu

Tokugawa Yoshinobu

Last Tokugawa Shogun

Emperor Kōmei

Emperor Kōmei

Emperor of Japan

Torii Kiyonaga

Torii Kiyonaga

Ukiyo-e Artist

Tokugawa Iemitsu

Tokugawa Iemitsu

Third Tokugawa Shogun

Abe Masahiro

Abe Masahiro

Chief Tokugawa Councilor

Matthew C. Perry

Matthew C. Perry

US Commodore

Enomoto Takeaki

Enomoto Takeaki

Tokugawa Admiral

Hiroshige

Hiroshige

Ukiyo-e Artist

Hokusai

Hokusai

Ukiyo-e Artist

Utamaro

Utamaro

Ukiyo-e Artist

Torii Kiyonaga

Torii Kiyonaga

Ukiyo-e Artist

References



  • Birmingham Museum of Art (2010), Birmingham Museum of Art: guide to the collection, Birmingham, Alabama: Birmingham Museum of Art, ISBN 978-1-904832-77-5
  • Beasley, William G. (1972), The Meiji Restoration, Stanford, California: Stanford University Press, ISBN 0-8047-0815-0
  • Diamond, Jared (2005), Collapse: How Societies Choose to Fail or Succeed, New York, N.Y.: Penguin Books, ISBN 0-14-303655-6
  • Frédéric, Louis (2002), Japan Encyclopedia, Harvard University Press Reference Library, Belknap, ISBN 9780674017535
  • Flath, David (2000), The Japanese Economy, New York: Oxford University Press, ISBN 0-19-877504-0
  • Gordon, Andrew (2008), A Modern History of Japan: From Tokugawa Times to Present (Second ed.), New York: Oxford University press, ISBN 978-0-19-533922-2, archived from the original on February 6, 2010
  • Hall, J.W.; McClain, J.L. (1991), The Cambridge History of Japan, The Cambridge History of Japan, Cambridge University Press, ISBN 9780521223553
  • Iwao, Nagasaki (2015). "Clad in the aesthetics of tradition: from kosode to kimono". In Jackson, Anna (ed.). Kimono: the art and evolution of Japanese fashion. London: Thames & Hudson. pp. 8–11. ISBN 9780500518021. OCLC 990574229.
  • Jackson, Anna (2015). "Dress in the Edo period: the evolution of fashion". In Jackson, Anna (ed.). Kimono: the art and evolution of Japanese fashion. London: Thames & Hudson. pp. 20–103. ISBN 9780500518021. OCLC 990574229.
  • Jansen, Marius B. (2002), The Making of Modern Japan (Paperback ed.), Belknap Press of Harvard University Press, ISBN 0-674-00991-6
  • Lewis, James Bryant (2003), Frontier Contact Between Choson Korea and Tokugawa Japan, London: Routledge, ISBN 0-7007-1301-8
  • Longstreet, Stephen; Longstreet, Ethel (1989), Yoshiwara: the pleasure quarters of old Tokyo, Yenbooks, Rutland, Vermont: Tuttle Publishing, ISBN 0-8048-1599-2
  • Seigle, Cecilia Segawa (1993), Yoshiwara: The Glittering World of the Japanese Courtesan, Honolulu, Hawaii: University of Hawaii Press, ISBN 0-8248-1488-6
  • Totman, Conrad (2000), A history of Japan (2nd ed.), Oxford: Blackwell, ISBN 9780631214472